” Un po’ di me…..”

Sono un disastro lo so
ma sono sincera, vera.
Non mi nascondo
dietro falsi sorrisi
e se ne scorgi uno forzato
è perché sto trattenendo
una lacrima.
Ho commesso errori
sono umana
ma a pagarli sono stata
sempre e solo io.
Sono stata ferita
in modo disumano
da persone in cui
ho creduto ed ho voluto bene.
Non mi pento di nulla
ma se potessi
tornare indietro
chiederei di essere
meno sensibile
per proteggere
questo cuore stanco
che ha rallentato
i suoi battiti e non si fida più di niente e nessuno.

Continua a leggere “” Un po’ di me…..””

Annunci

” Giusto per…”

Premetto che questo post non vuole essere un intervento pro o contro Renzi o qualsiasi altro……ma sono stanca di tutte queste polemiche che ci sono state prima del Referendum ed ora con la crisi di governo.

Tutti dicono che tengono a cuore i problemi del nostro Paese, che prima di ogni cosa viene l’interesse di ogni singolo cittadino eppure a me,nei fatti,non sembra proprio….anzi ognuno pensa solo a tirare acqua al proprio mulino.

La politica è una cosa che non mi è mai piaciuta …. tuttavia mi piace essere aggiornata seguendo i vari programmi come La GABBIA o PIAZZA PULITA perché li ritengo quelli più credibili dove non c’è censura o una chiara presa di posizioni.

Non mi vergogno dicendo di aver votato NO al referendum però è anche vero che l’ho fatto semplicemente perché alcuni punti della riforma non mi convincevano e non perché ho giudicato il governo Renzi perché per questo c’erano le elezioni parlamentari. Eppure mi rendo conto che molti hanno trasformato,anche con la complicità di certi pseudo politici, questo referendum come un referendum per mandare o no Renzi a casa perdendo così di vista il vero significato della riforma.

Ed ora quelle stesse persone continuano a lamentarsi per ciò che sta succcendo in questi giorni…….ma senza entrare troppo nel merito della questione. ….al di là del fatto che dietro alla nomina di Gentiloni a Presidente del Consiglio ci possano essere altre macchinazioni …a tutti coloro che dicono : “Un altro Presidente non eletto da noi ” vorrei solo ricordargli che è la Costituzione ad aver dato all’Italia un sistema dove il Presidente del Consiglio non viene eletto dal popolo. 

Il popolo elegge il Parlamento e vota i partiti….dopo le elezioni i partiti eletti vanno dal Presidente della Repubblica e il Presidente della Repubblica sulla base delle indicazioni ricevute nomina il Presidente del Consiglio. Se quest’ultimo perde il consenso della maggioranza dei parlamentari cade e il gioco di cui sopra si ripete. I partiti vanno dal Capo dello Stato e il Capo dello Stato cerca un nuovo nome ….oppure lo stesso se quest’ultimo è in grado di riunire di nuovo una maggioranza. Se non si trova un nome si va ad elezioni anticipate. In tutto questo sistema il popolo non ha voce in capitolo ….. o meglio….lo ha indirettamente tramite i suoi rappresentanti ma non attraverso votazioni.

Purtroppo è così dal 1948….anzi è così da sempre perché a livello nazionale il nostro Paese non ha mai conosciuto conosciuto l’elezione diretta del Capo del Governo. A partire dagli anni ’90 una serie di riforme ha introdotto l’elezione diretta dei sindaci o poi dei leader degli enti locali e il passaggio alla legge elettorale maggioritaria …..il cosiddetto MATTARELLUM poi abolito nel 2005….ha favorito questa teendenza anche a livello nazionale dove le coalizioni di centrodestra e centrosinistra si sono sempre presentate agli elettori guidate da un leader-candidato che in caso di vittoria è poi andato a Palazzo Chigi. Ma non essendo cambiata la Costituzione, di fatto, la scelta del Presidente del Consiglio è rimasto un potere nelle mani del Parlamento e del Presidente della Repubblica….. e gli elettori sulla scheda e elettorale hanno continuato a sbarrare il simbolo di un partito e non il nome di una persona.

I governi in Italia si formano così…. pertanto è è perfettamente costituzionale e legittimo la nascita di un governo non votato dagli elettori. E lo è anche se il governo si regge su una maggioranza completamente modificata da cambi di casacca e voltagabbana vari……quindi non capisco perché tutto questo echeggiare allo scandalo da parte di molti,compresi alcuni politici !!!!

” Ci sono cose che mai capirò….”

Nella vita,poche sono le certezze che abbiamo e tra queste anche quella che ” ‘A capa è na sfoglia e cipolla”,come si dice dalle mie parti e la mente umana resterà sempre il mistero più grande che nessuna scienza, con tutti i progressi che si fanno,potrà mai svelare.
Impossibile da capire e comprendere cosa possa passare nella mente di una persona,eppure mai capiró come si possa passare da un’amore ad un altro nel giro di pochi giorni o mesi ….sarà che io quando amo,amo profondamente e con tutta me stessa …. sarà che io credo ancora,come una stupida,che possa esistere l’amore dei vecchi tempi,quello fatto di rispetto, di fiducia,di complicità,di condivisione e di pazienza.
Sarò sbagliata io…..sarà che proprio non riesco ad adeguarmi alla superficialità con cui oggi si vive…..sarà che sono troppo sensibile per non lasciarmi intrappolare nei problemi degli altri,soprattutto quando quegli altri sono parte integrante della tua famiglia.
Ma la cosa peggiore è come si fa a farsi travolgere così tanto dagli eventi da mandare a puttane un matrimonio,a scombussolare la vita dei bambini per poter inseguire qualcosa nato da poco,per poter inseguire qualcosa che non sai se ti possa rendere più felice di ora.
So che le situazioni bisogna viverle sulla propria pelle per capirle appieno….dall’esterno è facile dare giudizi o criticare….. ma io non voglio fare nessuna delle due cose…. mi piacerebbe solo capire quali sono i meccanismi che si innescano nella mente di un essere umano per indurlo a pensare solo a se stesso,alla sua felicità …..non tenendo conto delle responsabilità che si è assunto nel momento in cui ha deciso di mettere al mondo un bambino ….perché alla fine a soffrire saranno sempre e solo loro…..i bambini.
È vero,qualcuno potrebbe dirmi che per i bimbi é meglio una separazione che vivere in una famiglia dove ci sono problemi….e sono la prima a pensarla cosí….e se fosse cosi …..non avrei esitato un secondo a dirlo a mio fratello e a mia cognata….. ma non posso farlo perché non è così…..perché una persona che pur dicendo di voler andar via coi bimbi per vivere questa nuova avventura ha paura di farlo perché ha paura che poi il marito gli potrebbe mancare…e propone di voler fare una prova di tre o quattro mesi e se poi le cose non andassero bene…ritornare a casa….è una persona che non ha le idee chiare né su ciò che prova per sto tizio conosciuto da poco né su ciò che prova ancora per il marito….. e quindi non ritengo giusto scombussolare la vita dei bimbi e trattarli come se fossero pacchi postale….
per colpa di adulti e per la loro incapacità di fare gli adulti !!!!!!

image

“ E voglio questo con te…. “ ( Massimo Bisotti )

Massimo Bisotti è uno scrittore che a me piace molto leggere…mi piace il suo modo di scrivere e di entrarti dentro l’anima,scatenando belle sensazioni, ogni qualvolta leggo un suo scritto…come questo che riporto qui…e che credo sia una grandissima dichiarazione d’amore….anche se nel mondo di oggi di “amore” si parli ben poco.

 Io voglio questo con te, dividere persino le immagini impresse dentro gli occhi, lasciarsi attraversare da attimi magnifici sapendo che domani ce ne saranno altri e altri ancora.

E voglio questo con te, sapere che mi mancherai già prima di andare via ma sapere che farò l’impossibile per tornare ad abbracciarti in fretta.

E voglio questo con te, sapere che potrò guardarti dormire e non sprecare un giorno freddo senza parlare chiusi in casa e poi fare l’amore, e poi confondere i momenti in cui accadrà una cosa o l’altra e provare lo stesso profondo piacere nel toccarsi con le mani o con le parole.

E voglio questo con te, sapere che potremmo avere e non volere più, sapere che potremmo andare e non andare via, sapere che è un peccato mortale sprecare notti senza sorridersi, senza dirsi buonanotte, vivere io per me, tu per te, senza noi.

E voglio questo con te, vincere la paura, scoprirci fragili e poi difenderci e tanto forti da distruggere qualsiasi ostacolo che ci sarà, fieri, orgogliosi e liberi, determinati come le onde e poi leggeri come le nuvole e fusi come il cielo e il mare sulla linea dell’orizzonte, dove guardare per creare un mondo fatto apposta per noi.

E voglio questo se lo credi possibile, se sai intuire la direzione del vento in cui soffia il mio cuore e mi vorrai condurre fino a te, per smettere di arrenderti al mondo che non vuoi.

E voglio questo con te, riconfermarti e sceglierti come bellezza pura, mancarsi solo per attendersi sopra il rumore di ogni cosa e senza perdersi mai.

E voglio dirti:” Sì” davanti all’anima del mondo, perché del nostro amore ne guadagni tutto l’universo, alla velocità del suono trasformarmi in musica e lasciarti una canzone che tutti impareranno per dedicarla a chi vorranno accanto.
E voglio questo con te, amarti da impazzire ma dirti di non averti amato mai abbastanza, per ricominciare….

 

16 - 1

” Sensibilità….”

Essere una persona sensibile vuol dire percepire un tono di voce distante durante una telefonata, riconoscere l’ansia, la paura e la tristezza nella faccia degli altri.
Essere sensibile vuol dire fare caso a tutto, e con “tutto” intendo veramente qualsiasi cosa: un fiore sconfitto dal vento, un cane solo, un colore diverso del cielo, un sorriso più sentito, una parola colorata in mezzo a tante parole anonime.
Essere sensibili vuol dire vivere dieci, cento, mille vite ogni giorno.
Quando sei sensibile non puoi fregartene, farti gli affari tuoi, lasciar perdere.
Chi è sensibile, se sa di aver ferito qualcuno si tortura per ore ed ore pensando alla sensazione che gli ha fatto provare.
Chi è sensibile dura una fatica immensa.
Si dovrebbe aver cura di chi è sensibile, potrebbe morire per una carezza in meno.

(Susanna Casciani )

image

“ Una sconfitta per la nostra società “

In questi giorni, navigando sul web e leggendo i vari post sulla partita di sabato Roma – Napoli, noto che si parla spesso del triste evento che ha avuto come conseguenza la morte del giovane napoletano Ciro Esposito.

Non vorrei passare per cinica, rispetto il dolore di tutti perché l’ho vissuto sulla mia pelle e quindi so cosa vuol dire provare dolore per la perdita di una persona però vorrei esprimere la mia opinione riguardo a ciò perchè non condivido assolutamente il fatto che ogni volta che si incontrano Roma e Napoli si ritorni sempre a quell’episodio.

Attenzione, con ciò non sto dicendo che non si deve ricordare la memoria di Ciro Esposito … anzi … però manco dobbiamo essere ipocriti perché come Ciro Esposito, tanti altri hanno perso la vita mentre andavano a vedere una partita di calcio …. e allora si dovrebbe fare la stessa cosa per tutti e ogni volta che si disputa la gara in cui è avvenuta la tragedia.

Ciò che voglio dire invece è che, anziché sentire sempre le stesse parole, le stesse promesse, di cui ormai siamo saturi o almeno io lo sono …. bisognerebbe passare dalle parole ai fatti, cosa che invece in Italia non si ha mai l’abitudine di fare …. e allora si preferisce impedire ai tifosi di vedere la loro squadra del cuore, si preferisce chiudere le curve,gli stadi …… e a che serve?????????….a niente … solo a dare valore alla frase che si sente sempre dire ogni qualvolta succede una tragedia: E’ UNA SCONFITTA PER LA NOSTRA SOCIETA’ !!!!!

Già una SCONFITTA …. e di questo ci dovremmo vergognare tutti in primis coloro che del sistema calcio ne fanno parte.

Ogni volta che succede una tragedia …. io mi chiedo sempre la stessa cosa: Cacchio,gli inglesi sono riusciti ad eliminare il problema degli hooligan ed ora le persone possono andare allo stadio e godersi la partita senza nessuna barriera …. e allora perché,visto che siamo così bravi a copiare sempre dagli altri, noi non possiamo prendere esempio da loro?????????? ….

E’ così difficile riuscire ad applicare gli stessi interventi adottati dagli inglesi anche nel nostro Paese ????? …. no, non credo … credo che sia semplicemente questione di volontà… questione di NON SI VUOLE …. perché probabilmente dietro ci sono troppi interessi,troppo business in primis le società di calcio …. e giustamente non si può rinunciare a ciò però a dire sempre le stesse parole non ci si stanca mai …. vero?… e anche di questo ci si dovrebbe vergognare !!!!!

” La passione…”

La Passione: è il sentire dell’animo nella sua massima estensione, il sentimento più completo e più complesso, l’energia dirompente che sviluppa in chi la prova qualità sconosciute a lui stesso.

La Passione è qualcosa che si subisce ma per quanto razionalizzata è impossibile sfuggirvi…..

La Passione alberga in tutti noi, sopita, in agguato…detta legge,ci guida….

La Passione è la fonte dei momenti migliori…