Piccola riflessione…..

Possiamo tutto tranne che fermare il corso della vita per impedire di perdere le persone a noi più care. I nonni,gli zii, i genitori, generazione ’30 – ’60, pian piano se ne vanno perché ahimè è così che va la vita ….e lasciandoci essi si portano via non solo un pezzo del nostro cuore, una parte della nostra vita ma si portano via anche un patrimonio immenso, un tesoro fatto di storie, aneddoti, filastrocche raccontate,seduti vicino ad un tavolo o facendo loro visite, un miliardo di volte ma mai stanchi di ascoltarle perché ti insegnavano sempre qualcosa ed era bello perdersi nei loro racconti, vedere nei loro occhi i tempi duri di una volta e vederli commuovere ma anche vederli sorridere insieme a te quando invece ti raccontavano delle loro piccole marachelle . Ed è triste pensare come questo patrimonio possa andar perduto quando non ci sarà più nessuno di loro a raccontarlo….perché ormai persi come siamo tutti, soprattutto la nuova generazione, tra whatsapp, facebook, instagram, Youtube, etc etc non so cosa potremmo mai raccontare, noi che non potremmo mai paragonarci a loro…loro che pur non avendo una grande istruzione avevano però un bagaglio di sapere fatto di rispetto,condivisione, aiuto reciproco, sacrificio che nessuna scuola potrà mai insegnarti…..perciò chi ha ancora la fortuna di poter ascoltare quelle storie, quegli aneddoti chiuda il cellulare e si lascia incantare dalla voce che racconta perché un giorno avrà mancanza anche di ciò!!!

Annunci

” Lettera mai consegnata “

Caro blog,so che ciò che sto per fare è sbagliato e non dovrei farlo perché è più giusto e onesto consegnare la lettera a chi di dovere anziché pubblicarla in un blog pubblico dove tutti possono leggere….. ma se lo faccio è solo perché nonostante il bisogno e soprattutto il desiderio di dare questa lettera alle persone interessate….so,al tempo stesso, che non avrei mai il coraggio di farlo perché sono sicura che le mie parole verrebbero lette in modo diverso da quello con cui le ho scritto ….perché se  c’è una cosa che ho capito è che per gli adulti è più facile ammettere che sbaglia chi osserva e interviene in una situazione anziché ammettere i propri sbagli e soprattutto quanta verità ci possa essere nelle osservazioni fatte . Quindi la pubblico qui almeno per liberare la mia mente dai tanti pensieri che la affollano e allegerire,  per quanto poco possa servire, la rabbia che porto dentro.

” Cari,vi scrivo questa lettera che vorrei leggeste insieme perché riguarda entrambi e lo faccio spinta dall’amore che ho per i bambini, che siano i miei nipotini o bambini qualsiasi. So, che ciò che sto per dirvi va a svantaggio mio e degli altri perché fortunatamente voi ci date la possibilità di trascorrere molto tempo coi bambini, di divertirci con loro e vederli felici… ed io ogni volta penso sempre a voi e a ciò che vi perdete. Io vi ho visto fare i genitori quando le cose tra di voi andavano bene e vedo anche come vi comportate ora che le cose tra di voi sono cambiate e che anche se siete ancora una famiglia, vivete ognuno la propria vita.Ricordo quando entrambi o separatamente vi mettevate a giocare con i bambini ,le risate si sentivano fino a giù…. Ora,però, da quanto tempo non lo fate più????….. Da quanto tempo entrambi o separatamente non fate più colazione con i bambini????…. Da quanto tempo non avete più il pensiero di cucinarli ???….E non dico da quanto tempo non mangiate più tutti insieme vicino alla vostra tavola in cucina perché capisco che la situazione che si è venuta a creare non lo permette più…..eppure almeno una volta, visto che comunque siete in buoni rapporti e ancora vi siete separati, un piccolo sforzo lo potete anche fare ed accontentare cosi la piccolina che desidera tanto ciò. Ormai questi bimbi passano dalla casa di una nonna all’altra manco fossero pacchi e non sanno più cosa significa stare a casa loro,giocare nella loro stanza dei giochi….eppure lo desiderano tanto perché l’hanno detto in più di una occasione. Ora tu, mamma dei bimbi, potresti dirmi che quelle poche volte che sei rimasta a casa invece di uscire con il nuovo tizio,  comunque i bimbi e soprattutto la piccolina hanno preferito rimanere giù da noi e non salire sopra. Ma vi siete mai chiesti il perché???….. Pensate che sia un capriccio dei bimbi,eh!!… invece io credo di no….non avete mai pensato che è perché ormai loro si sono accorti che da voi non ricevono più l’attenzione di una volta e di conseguenza si rifugiano in chi gliela da??????…..Il piccolo ha bisogno di nutrirsi meglio,parole della pediatra…. ma voi vi siete mai preoccuparti di lui e di dargli il latte la sera ??????….no….per te mamma è stato più facile assegnare questo compito a noi dal momento che la sera stanno col papà e quindi da noi perché tu devi uscire e torni chissà a che ora…..eppure queste sere che sei rimasta a casa non ti ho visto mai preoccuparti di dare il latte al piccolo….evidentemente perché troppo presa a chattare e a fumare…e il piccolo è figlio vostro!!!! Ma al di la di questo,vi siete mai chiesti da quanto tempo non vi fermate più con loro??? non guardate più un cartone animato con loro??? non gli leggete più un libro??? non gli donate più una carezza,un abbraccio quando ne hanno più bisogno e non quando avete bisogno voi??? Dico questo non perché voglio farvi la predica o voglio farvi sentire in colpa oppure perché a noi non piace stare con loro….assolutamente no perché per i bimbi farei e saremo capaci di fare qualsiasi cosa….ma vorrei solo farvi notare quanto e come siete cambiati nel ruolo di genitori, interessandovi solo alla vostra situazione e dimenticandovi della cosa più bella che avete: I BAMBINI!!!… Voi nell’inseguire, ciascuno a modo suo, la propria libertà, nel vivere come piace a voi……non vi rendete conto che state togliendo attenzione ai vostri bimbi, regalandogli solo sprazzi del vostro tempo, perdendovi così i loro migliori momenti. Voi che nonostante dite di amare tanto i vostri figli e che senza di loro non potete vivere…..comunque fate venir meno la vostra presenza senza notare che li state allontanando da voi !!!! Con questo non voglio dire che dovete rimanere insieme per i vostri figli …no,non sono così stupida….se volete separarvi nessuno lo può impedire…..però mi piacerebbe tanto che voi nello scegliere ciò che sia meglio per voi,vi chiediate anche: Cosa sia meglio per i bimbi!!!!! Mi direte: ” si abitueranno” ….certo ma vi siete chiesti a che prezzo?????……Voi avete due bimbi che sono la fine del mondo e di ciò dovete essere orgogliosi….. loro da voi si aspettano tanto ma voi cosa gli dato in cambio???…I giocattoli che ogni tanto li portate??? E a che serve???? Solo a pulire la coscienza perché in cuor vostro sapete benissimo che non state facendo il meglio per loro…..loro che chiedono a voi solo amore,attenzione, un sorriso,un abbraccio, una carezza, mostrarvi il gioco che stanno facendo o qualcosa che hanno scoperto  per condividerla con voi, per vedervi felice e ricevere un complimento da mamma e papà. Sapessi quante volte mentre fanno qualcosa di bello dicono “mamma” o “papà” …e puntualmente voi non ci siete, troppo impegnati a pensare solo a voi e a godervi la vita ….e senza mai chiedervi: ” cazzo,che ci faccio qui???….io dovrei essere a casa con i miei figli e non in giro…Una volta ho sentito dire da una ragazza ad un genitore che la trascurava: ” NESSUNO CHIEDE DI NASCERE ” …..ed è vero…siamo noi che decidiamo, a volte forse anche egoisticamente per soddisfare il nostro bisogno di sentirci chiamare “mamma” o “papà”, di mettere al mondo un bambino….per questo quando lo facciamo dobbiamo essere coscienti della responsabilità che ci stiamo assumendo, che stiamo decidendo di rinunciare ad un pezzo della nostra libertà, che stiamo rinunciando a un po del nostro tempo perché abbiamo il diritto e il dovere di impegnare il nostro tempo a regalargli una infanzia serena e felice che sia all’altezza dei loro bisogni e delle loro esigenze. Non possiamo più dire ” a vita è a mia e faccio quello che voglio ” ….no….”a vita è a mia ma prima vengono le esigenze e i bisogni dei miei figli “. Non dico che non dovete pensare alla vostra vita, non vi sto chiedendo di rinunciare ad essere felici…..vi sto solo chiedendo di rispettare in tutto ciò i vostri figli….di non rovinargli la loro infanzia, di non strapparli alle loro abitudini che voi stessi gli avete fatto prendere,di non allontanarli dalla loro casa di infanzia…..perché noi adulti siamo capace di adattarci,  di rialzarci dopo una dura delusione…… ma i bambini no, loro non hanno ancora l’età per sopportare questo….li marchiamo a vita e quando ce ne acccorgeremo sarà già troppo tardi.E sarete felici così????….. È davvero questo che volete per i vostri piccoli????…..Non credo!!! Voi avete la fortuna di non essere come tante coppie che quando stanno per separarsi….urlano e rendono l’atmosfera in casa pesante per i bimbi…pensateci bene a loro…. Perché se è pur vero che vivono nell’amore, siete sicuri che da un paio di mesi a questa parte questo amore in cui vivono ci sia anche il vostro???????…..vi siete mai chiesti perché i bimbi preferiscono stare con i nonni????….. perché é sempre un loro capriccio o sarà perché da un paio di mesi a questa parte hanno una mamma troppo impegnata col cellulare e un papà troppo impegnato col suo lavoro?????? Ribadisco ancora che ciò non è un attacco a voi….ne un voler dire che siete cattivi genitori… non ho nessun titolo per farlo….siete solo voi che vi dovete giudicare e voi in cuor vostro avete la risposta. Ora concludo dicendo che visto che si avvicina il Natale, la festa tanto attesa dai bimbi, se potete…. aspettate ancora che passi sto periodo prima di decidere cosa volete fare….non rovinategli questa festa….ma fate un bel regalo ai vostri figli…no,giocattoli ….ma regalate loro il vostro amore, la vostra attenzione e la vostra presenza perché questo sarà il più bel regalo che potete fargli. Vi chiedo scusa se sono stata un po dura ma vi voglio bene così come ne voglio anche ai bambini …..e sapere ciò che dovranno vivere mi fa male …..perché noi adulti a volte siamo così egoisti da mettere noi, i nostri bisogni e la nostra felicità al primo posto e non ci fermiamo mai a riflettere e a chiederci : “Ma i bambini cosa vogliono? ” ….” Ma i bambini saranno contenti di questo???…..saranno felici di cambiare con me???…..è giusto far pagare a loro questa separazione????? ” ….rispondetevi da soli,da genitori coscienziosi e non da persone che pensano solo a se stessi !!!!!! ”

Ecco questo è ciò che vorrei dire a queste due persone che sembrano invece non voler saper nessuna ragione  ma che pensano solo a loro stessi…….che peccato ……soprattutto vedendo che lei si sta perdendo dietro a un tizio di cui nessuno ha un’ ottima  considerazione compreso i genitori di lei che si vergognano di come si sta comportando la loro figlia….la quale non conosce vergogna ne un minimo di pudore !!!!!!!

…..una giornata triste!!!!

Oggi è una giornata molto triste…..poco fa ho avuto la notizia della morte di mio zio….fratello di mamma ….da tempo malato di tumore….e ho una rabbia dentro da non credere….vorrei urlare contro il cielo facendo tremare tutto il sistema solare da sconvolgere il moto dei pianeti.

Anche in questa occasione mi rendo conto di quanto sono disgustata dall’essere umano… e certe cose…certe spiegazioni per me sono davvero inconcepibile.

E’ vero noi gente del Sud …. abbiamo un’altra cultura….abbiamo il senso della famiglia perchè i nostri genitori ce lo insegnano fin da piccoli.

E’ vero che …noi gente del Sud….siamo dei mammoni….ci piace stare in famiglia ….perchè la famiglia è ciò che di più bello si possa avere ….perchè la famiglia è l’unica che mai ti lascerà ed è sempre lì pronta ad aiutarti e sostenerti quando ne hai più bisogno.

Sinceramente di questo ne vado fiera….ma poi quando confronto tutto ciò…con mio cugino…con il modo con cui si è comportato con suo padre….mi viene una rabbia che mi ribolle il sangue….perchè io credo …. che quando un genitore non sta bene….non si debba porsi nessun problema….ma stargli vicino così come lui ha fatto quando noi eravamo bambini….quando noi avevamo bisogno di loro.

Non voglio giudicare mio cugino …. ma mi fa rabbia…sentirmi dire che voleva portare il padre malato di tumore in ospizio …mi fa rabbia sentire che mentre il padre stava in ospedale per fare la chemio, lui se n’è andato in vacanza perchè poverino aveva prenotato e non poteva disdire….mi fa rabbia sentire che la madre se l’è dovuta vedere da sola ….facendo i salti mortali per accompagnare il marito in ospedale e farsi curare mentre lui se ne fregava di tutto questo….eppure i suoi genitori hanno vissuto e sacrificato la loro vita ….per lui….unico figlio messo al centro di tutto…..

Mi dispiace per mio zio …. che è morto in un letto di ospedale da solo….mi dispiace per mia madre ….che ancora una volta….deve piangere un fratello senza neanche vederlo …. mi dispiace e mi dispiace davvero tanto per sta cacchio di vita che punisce sempre chi non se lo merita.

Lascio qui una preghiera a te….zio Alfonso…e salutami papà ora che lo incontrerai….TI VOGLIO BENE E MI MANCHERAI…..

L’eterno riposo dona a loro Signore,

splenda ad essi la luce perpetua, riposino in pace.

Amen.

Che brutta storia!!!!!

Una volta,almeno quando io ero piccola,mi ricordo che erano i genitori che ci dicevano cosa dovevamo fare o non fare …. e difficilmente noi avevamo la possibilità di rifiutarci o di fare diversamente ….oggi,invece, le cose son cambiate …..i ruoli si sono capovolti ….i figli sembrano fare i genitori e i genitori i figli …. roba da non crederci.

Dico tutto questo perché sono rimasta molto colpita da un fatto che mi è successo …mi spiego.

Prima di ferragosto …mi chiama la mamma di un bambino a cui faccio lezione per avere alcune spiegazioni poiché la scuola primaria del mio paese,quest’anno,ha deciso che il sabato la scuola resta chiusa e che tale giorno verrà recuperato durante la settimana con il tempo prolungato fino alle 4.

Premetto che io faccio lezione a questo bambino da due anni….dal lunedì al venerdì…ma l’anno scorso per andare incontro alle esigenze della mamma …ho accettato di fare lezione anche il sabato (cosa che non faccio mai) …in più visto che il bambino sempre l’anno scorso ha deciso di frequentare la scuola calcio e ci andava il lunedì dalle 14:30 alle 16:30 ….io dissi alla mamma che non ero disposta a fargli lezione dopo la scuola calcio perché sono del parere che le attività sportive si debbano fare dopo i compiti e non prima altrimenti il bambino non rende visto che arriva già stanco….ma lei accettò la cosa senza fare nessun problema anche perché le assicurai che avrai fatto anticipare i compiti per il martedì quando ciò era possibile.

Ora visto la novità di questo nuovo anno scolastico….  la mamma di questo bambino ….giustamente,era un po’ preoccupata e così mi ha contattato per sapere se io quest’anno ero disposta a fare lezione al figlio anche dopo la scuola calcio …..io le dissi di si e che ci saremo messe d’accordo andando incontro …ognuno di noi….alle rispettive esigenze. A questa mia risposta …la mamma del bambino rimase molto contenta perché mi disse che se avessi detto di no….lei sarebbe stata costretta a portare il figlio da un’altra maestra e questa cosa non piaceva né a lei né a al figlio.

Non piaceva al figlio perché non voleva assolutamente cambiare maestra visto che con me si trovava molto bene…anzi,a detta della madre, quando il bambino sentì da lei che forse avrebbe cambiato maestra…si mise a piangere.Non piaceva a lei perché ormai sa come lavoro io…quindi si fida di me e anche a lei sarebbe dispiaciuto cambiare….e fin qui tutto normale.

Il bello arriva dopo….perché finito le vacanze….dopo un paio di giorni…mi richiama la mamma del bambino per dirmi che il figlio non sarebbe più venuto…il motivo??????????? ecco la sua spiegazione: Innanzitutto esordisce dicendomi: Pina scusami per ciò che ti dirò …ma come tu ben sai…i figli vanno assecondati ….e qui già capisco dove vuole andare a parare….poi cerca di spiegare come erano andate le cose e mi fa: Sai, è successo tutto  un giorno….quando a casa  è venuto un amichetto di mio figlio …il quale disse che lui ora andava da un’altra maestra e si trovava molto bene…di conseguenza mio figlio mi ha chiesto  di andare anche lui….e lei…poverina….ha dovuto per forza assecondarlo. 

Ora dico….ognuno è libero di fare ciò che vuole e di spendere i soldi come cacchio vuole…ma ciò che mi fa più rabbia…è la motivazione che mi ha dato la mamma…l’essere stata insultata nella mia intelligenza….perché avrebbe potuto darmi anche un’altra motivazione l’avrei capito e accettata di più…ma non questa soprattutto perchè ho fatto davvero i salti mortali per riprendere suo figlio visto che la sua insegnate di italiano non spiegava mai e soprattutto dopo i tanti complimenti ei ringraziamenti che lei mi ha sempre fatto e ….addirittura definendomi come il suo angelo custode per averla salvata da quel compito di far vedere i compiti al figlio e aver messo fini ai litigi con il figlio.

Per non parlare poi dell’amichetto del figlio….che anche lui veniva da me proprio perchè veniva l’altro …ma poi la mamma (una mia cara amica)  l’ha tolto dal doposcuola perchè stanca di litigare con  il figlio …il quale non aveva molto voglia di studiare e quindi non veniva mai volentieri al doposcuola. In compenso però questo bambino svolgeva molte  attività fisiche e quindi aveva orari davvero sballati e proprio per questo era difficile stargli dietro e siccome lui non voleva rinunciare alle sue attività…il più delle volte andava via senza aver finito i compiti…cosa che non è nel mio stile perchè io voglio che i bambini tornino a casa con tutti i compiti svolti. Ad ogni modo la mia amica (la mamma) un giorno mi disse che suo figlio non sarebbe più venuto e che aveva minacciato il figlio dicendogli che sarebbe stati guai se lui avesse peggiorato a scuola….e poi prima di andarsene mi chiese anche se ero disposta a riprenderlo nell’eventualità di migliorare il suo livello.

Ad ogni modo ciò che mi ferisce di più in tutta questa storia è il fatto che non si può proprio essere buoni con le persone e che è vero che la gente la devi trattà a pesci in faccia visto che non capisce una mazza !!!!!

Caro blog….che tristezza!!!

E’ passata una settimana da quel maledetto venerdi quando i medici ci informarono che nostro padre poteva morire da un momento all’altro eppure sembra che nulla sia cambiato.

Certo la situazione non è più così critica….mio padre è molto molto lucido nonostante muove poco il braccio e la gamba sinistra…..tuttavia rimane pur sempre un paziente grave poichè dagli esami di emocultura è stato riscontrato la presenza di “germi GRAM-NEGATIVI” che rendono la situazione respiratoria  ancora più grave di quanto non lo sia già.

Attualmente l’infettologo sta facendo di tutto per trovare una terapia antibiotica in grado di sconfiggere questi maledetti germi che risultano molto ma molto resistenti….e noi l’unica cosa che possiamo fare è incrociare le dita e sperare che tutta vada bene e che la terapia faccia il suo dovere,

Non è una situazione brillante…mi dicono di essere ottimista ma ormai dopo quel giovedi ….quando abbiamo lasciato nostro padre bene e poi la notte è successo quello che è successo …..ogni minuto vivo con il terrore di ricevere una brutta notizia….e ogni volta che arriva il momento di andare a parlare con il medico preferirei invece sprofondare pur di non sentirmi dire sempre le stesse cose e mai mai ricevere almeno una luce di speranza.

A volte mi chiedo che fine debba fare un essere umano…..una persona che ha dedicato tutta la sua vita al lavoro facendo sacrifici enormi…ed ora invece si ritrova in un letto dell’ospedale indifeso e sofferente…e vederlo così mi piange proprio il cuore…darei la mia vita pur di vederlo guarito perchè sinceramente non merita tutto ciò che gli sta capitando…..ma si sa la vita se la prende sempre con le persone che non lo meritano….e allora è meglio comportarsi male e da stronzi perchè forse così saremo aiutati anche dall’alto!!!!

Torto o ragione?????……non so!

La mia famiglia,costituita dai miei genitori,due fratelli di cui il primo sposato ma divorziato l’altro sposato e abita in un appartamento sopra di noi, da due sorelle entrambe sposate che vivono in un paese vicino e poi ci sono io che sono single e di conseguenza vivo con i miei genitori,è una famiglia molto unita forse fin troppo dal momento che i nostri genitori ci trattano come se fossimo ancora adolescenti e nonostante quasi tutti sono sposati stanno quasi sempre da noi.

Molte volte questa situazione mi da molto fastidio…..non perchè non ami la mia famiglia o non mi piace stare tutti insieme…ma il problema è che spesso ho la sensazione di non essere proprio considerata e nella mia stessa casa o meglio nella casa dove abito con i miei genitori mi sento privata della mia libertà,mi sento togliere i miei spazi,mi sento mancare di rispetto perchè nessuno di loro si pone mai il problema che anch’Io ho le mie cose da fare invece mi ritrovo sempre a dover sopportare,a dover modificare le mie abitudini e così finisco sempre per incazzarmi.

Ora che mia madre deve stare a riposo un mese in seguito all’operazione al femore e che mio padre è ancora in ospedale praticamente la mia casa è invasa da tutti loro…tutti i giorni e tutte le ore e per avere un pò di tranquillità e dedicarmi alle mie cose deve sempre aspettare il momento in cui tutti loro decidono di ritornare alle loro rispettive case.

Oggi,ad esempio, mia sorella è venuta a casa alle 9 con il bambino e subito ha iniziato a prendere possesso della casa manco se io fossi inferma e incapace di fare le pulizie…..ha iniziato subito a cucinare prima per mio padre visto che i medici ci hanno dato il permesso di portagli il pranzo da casa sia per tutti gli altri,poi verso le 11 è arrivata l’altra mia sorella ed insieme sono andate all’ospedale da mio padre mentre io sono rimasta a casa vicino a mia madre e a finire di preparare il pranzo…..alle 13 sono ritornate e dopo un pò sono venuti anche i loro rispettivi mariti….abbiamo pranzato….dopo una mia sorella ha lavato i piatti….io mi sono occupata di stendere i panni e dopo aver fatto ciò…scendo giù…perchè la mia casa è su due livelli: piano giorno e piano notte….e trovo i mei cognati distesi chi da una parte chi dall’altra parte sul divano vicino al camino….di conseguenza io,a casa mia, per riposarmi, sono dovuta andare nella mia stanza e ciò accade puntualmente tutte le domeniche. Finito le partite,riscendo giù….loro erano i padroni della cucina…verso le 18 andiamo a fare visita a mio padre….torniamo verso le 20 e invece di andarsene ognuno a casa propria….iniziano a preparare da mangiare con mio nipote sul divano….mia sorella e il marito distesi su un altro divano senza nessun spazio per metterti vicino al camino e riscaldarti e l’altra mia sorella che fa da padrona di casa….al chè mi sono incazzata….non ho mangiato dalla rabbia….mentre gli altri dopo aver mangiato arrivederci e grazie.

Sarò esagerata nella mia reazione….ma cazzo mi chiedo: oh ma ci sono anch’io in questa casa?….è vero che ho scelto di essere single e quindi non posso lamentarmi neanche più di tanto se tale situazione mi sta stretta…..però un pò di rispetto credo anche di meritarlo….invece non se ne fottono di nulla….anzi dopo mi devo anche sentire la predica di mia madre che mi rimprovera del mio comportamento e del fatto che devo aver pazienza…azz è na vita che ho pazienza visto che non si tratta di una situazione dovuta al momento difficile che attraversiamo ma è sempre così,sempre….e così mia madre finisce per portarmi il muso….mentre a me non rimane neanche la possibilità di incazzarmi ….secondo loro io devo solo sottostare punto e basta.

Probabilmente avrò torto io nel mio ragionamento……però so solo che ognuno di loro quando devono pensare ai fatti propri lo fanno e quando hanno un problema vengono dai miei….poi ritornano a casa loro lasciando i guai da noi….so solo che almeno loro in questo periodo di combattimento nell’andare avanti e indietro dall’ospedale ogni tanto si ritagliano lo spazio per svagarsi…so solo che nessuno di loro mai e poi mai si è permesso di chiedermi se avessi qualcosa da fare…è no,Pina sta a casa e quindi è sempre a disposizione,è sempre lì come se non avessi niente da fare.

Non voglio fare la cattiva della famiglia…..anche se forse per tutti lo sono dato che quando sono incazzata non riesco a mascherarlo e quindi si nota….e non nego che dopo quando mi comporto così sto doppiamente male perchè mi dispiace aver creato un clima brutto a casa…. amo la mia famiglia per la quale sarei disposta a sacrificare la mia felicità per la loro…eppure mi piacerebbe sentirmi liberi nella mia casa e rispettata almeno da loro visto .