“ Mi spiace Rudi Garcia “

E così ecco accontentati tutti coloro che volevano il suo esonero.

Io non dico che Garcia sia esente da colpe tuttavia mi spiace che sia finita così.

Si, mi spiace Garcia perché ancora una volta hanno vinto loro …. i giocatori,giocatori viziati che si arrogano il diritto di decidere se,quando e come far esonerare un allenatore; giocatori, unici “lavoratori”, se si possa dire così chiedendo scusa a chi veramente lavora con sudore, fatica e impegno,che pur essendo pagati una cifra di soldi possono giocare male e non venir mai cacciati o puniti dal loro datore di lavoro.

Mi spiace Garcia perché io, nonostante tutto, non dimentico quello che ha dato e fatto alla Roma anche se realmente non abbiamo vinto nulla con lei ma la felicità è anche nelle piccole cose.

Mi spiace Garcia perché è l’unico a pagare per questo momento difficile che la Roma sta attraversando mentre gli altri continuano a rimanere … vedi dirigenti e anche giocatori,gli stessi giocatori che alcune domeniche fa sono corsi ad abbracciarlo come se fossero un gruppo unito,tutto stretto intorno al loro allenatore.

Mi spiace Garcia perché alla fine, in questo mondo del calcio, finisce per avere la meglio sempre e comunque l’incoerenza e l’ipocrisia non solo dei tifosi ma anche dei giocatori …. ed è proprio questo che mi porta ad essere disgustata da questo mondo del calcio, dove non si gioca più per la maglia ma solo per interesse.

Mi spiace Garcia ma non se la prenda troppo perché lei non è né il primo né sarà l’ultimo a pagare per le colpe degli altri …. la stessa sorte è toccata anche a Spaletti,Zeman,Luis Enrique e questo mi fa convincere sempre di più che hanno davvero ragione tutti coloro che dicono che a Roma è davvero difficile allenare,difficile lavorare perché troppi si sentono in diritto di parlare, troppi si sentono allenatori mentre farebbe meglio a limitarsi a fare il loro mestiere ed a esprimere semplicemente una loro opinione lasciando la società fare il suo lavoro.

Mi spiace Garcia perché ora già so che dopo il suo esonero vedremo giocatori rinascere, giocatori che tutto ad un tratto ritornano ad essere fenomeni ma voglio vedere come alcuni giocatori accoglieranno il ritorno di Spaletti perché ci sono giocatori che c’erano anche quando lui fu esonerato.

Mi spiace e mi spiace davvero molto Garcia perché perchè la gente non riesce a capire che l’unica cosa davvero da cambiare,almeno a Roma, è la mentalità e soprattutto avere un Presidente (senza nessuna offesa a Pallotta ovviamente) che si circonda di persone con i dovuti attributi e faccia sentire la sua autorità all’interno dello spogliatoio senza permettere ai giocatori di decidere ciò che vogliono.

Mi spiace Garcia ma questa è la dura legge del calcio,di un calcio che a me inizia a non piacere più.

Di cuore le auguro sinceramente che possa trovare presto un’altra squadra,altri tifosi che lo sapranno apprezzare.

FB_IMG_1452469341752

Annunci

“Un incontro piacevole “

Mio caro blog voglio iniziare questo nuovo anno confidandoti una cosa piacevole che mi è capitata.
Ieri dopo aver fatto visita a mio padre,come faccio ormai da 4 anni ogni domenica, sono andata a fare gli auguri di buon anno alle mie zie,sorelle di papà…..e proprio mentre ero a casa di mia zia che mi vedo arrivare il mio ex, essendo un amico caro del marito di mia cugina.
Ammetto che quando ho sentito fare il suo nome mi sono un pó preoccupata perché avevo timore di sentirmi imbarazzata…invece è bastato fare appello al mio autocontrollo e gli sono andata incontro senza nessun problema e ci siamo scambiati gli auguri.
Erano anni che non lo vedevo ma, in tutta sincerità, mi ha fatto davvero molto piacere incontrarlo … in fondo è una storia di quando ero giovane e ci siamo lasciati solo perché ho voluto far prevalere la ragione al cuore.
Si, perché nonostante con lui c’era una intesa e una complicità unica e naturale, nonostante insieme ci divertivamo molto e nonostante ci capivamo al volo, un giorno decisi di mettere l’amore per lui in fondo al cuore e posi fine alla relazione…..nonostante tutto non mi dava nessuna sicurezza e devo dire che non mi sono mai pentita della decisione presa così come non gli porto nessun rancore.
Certo vederlo ieri non mi ha lasciata indifferente, gli voglio troppo bene e per me è come un fratello…una persona che per qualsiasi cosa andrei sempre ad aiutarlo e gli farei sentire la mia presenza e sono sicura che anche per lui sia così.
Quindi,come primo giorno dell’anno, non mi posso proprio lamentare….anzi sono davvero molto contenta e spero che questo incontro cosi piacevole sia l’inizio di un anno all’insegna della positività e delle cose belle….ma soprattutto un anno sereno

” Ci sono persone che rimangono sotto pelle e non le puoi rimuovere “….e lui è una di questa 💜

 

” BUON ANNO A TUTTI DAL PROFONDO DEL CUORE “

A voi tutti un augurio con il bellissimo discorso di Papa Francesco :

Puoi aver difetti, essere ansioso e vivere qualche volta irritato, ma non dimenticate che la tua vita è la più grande azienda al mondo.
Solo tu puoi impedirle che vada in declino.
In molti ti apprezzano, ti ammirano e ti amano.
Mi piacerebbe che ricordassi che essere felice, non è avere un cielo senza tempeste, una strada senza incidenti stradali, lavoro senza fatica, relazioni senza delusioni.
Essere felici è trovare forza nel perdono, speranza nelle battaglie, sicurezza sul palcoscenico della paura, amore nei disaccordi.
Essere felici non è solo apprezzare il sorriso, ma anche riflettere sulla tristezza.
Non è solo celebrare i successi, ma apprendere lezioni dai fallimenti.
Non è solo sentirsi allegri con gli applausi, ma essere allegri nell’anonimato.
Essere felici è riconoscere che vale la pena vivere la vita, nonostante tutte le sfide,  incomprensioni e periodi di crisi.
Essere felici non è una fatalità del destino, ma una conquista per coloro che sono in grado viaggiare dentro il proprio essere.
Essere felici è smettere di sentirsi vittima dei problemi e diventare attore della propria storia.
È attraversare deserti  fuori di sé, ma essere in grado di trovare un’oasi nei recessi della nostra anima.
È ringraziare Dio ogni mattina per il miracolo della vita.
Essere felici non è avere paura dei propri sentimenti.
È saper parlare di sé.
È aver coraggio per ascoltare un “No”.
È sentirsi sicuri nel ricevere una critica, anche se ingiusta.
È baciare i figli, coccolare i genitori, vivere momenti poetici con gli amici, anche se ci feriscono.
Essere felici è lasciar vivere la creatura che vive in ognuno di noi, libera, gioiosa e semplice.
È aver la maturità per poter dire: “Mi sono sbagliato”.
È avere il coraggio di dire: “Perdonami”.
È  avere la sensibilità per esprimere: “Ho bisogno di te”.
È avere la capacità di dire: “Ti amo”.
Che la tua vita diventi un giardino di opportunità per essere felice …
Che nelle tue primavere sii amante della gioia.
Che nei tuoi inverni sii amico della saggezza.
E che quando sbagli strada, inizi tutto daccapo.
Poiché così  sarai più appassionato per la vita.
E scoprirai che essere felice non è avere una vita perfetta.
Ma usare le lacrime per irrigare la tolleranza.
Utilizzare le perdite per affinare la pazienza.
Utilizzare gli errori per scolpire la serenità.
Utilizzare gli ostacoli per aprire le finestre dell’intelligenza.
Non mollare mai ….
Non rinunciare mai alle persone che ami.
Non rinunciare mai alla felicità, poiché la vita è uno spettacolo incredibile!”
AUGURO A TUTTI VOI DI VIVERE UN FELICE 2016 !!!!!!

image